Dominio: come registrarlo e quale nome scegliere

Avere un dominio proprio ed identificativo è fondamentale per un impresa, ma come trovare quello migliore?

Un nome a dominio è un codice numerico, unico e non duplicabile, composto da 3 diversi parti:

  • www (world wide web),
  • nome a dominio scelto,
  • top level domain (sigla alfanumerica che conclude il dominio).

Per risolvere il problema della sua difficile memorizzazione, questo è stato tradotto in un semplice codice alfanumerico chiamato DNS (Domain name system).

Nonostante sia facile identificare un dominio in un sito web, non è così: il primo infatti può essere utilizzato per più scopi (landing page, news letter…).

Tipologie di nomi a dominio

Sono possibili 4 diversi tipologie:

  • TLD (Top Level Domain);
  • ccTLD (country code level domain), specifici delle nazioni come .de per la Germania;
  • gTLD (generic top level domain), solitamente composti da 3 lettere come il .com;
  • new gTLD (new generic top level domain), particolari come il .beers per le birre o il .biz per le offerte.

Come si registra un dominio?

In America ci si deve rivolgere all’ICANN (Internet corporation for assigned name and numbers), un ente no profit che si occupa di assegnare ad ogni IP un nome a dominio generico di primo livello (gTLD come il .com) o i ccTLD (country code level domain).

In Italia, invece, ci si deve rivolgere a Registro.it, che si occupa di registrare esclusivamente il .it, tipico delle imprese made in Italy.

Per localizzare meglio l’attività è possibile sottoscrivere l’area geografica (ed esempio prosciutto.parma.it).

Il .it il 24 novembre ha compiuto 30 anni, è il decimo dominio più utilizzati a livello mondiale ed il quinto tra quelli europei.

Da gennaio 2017 ad oggi sono stati 332.240 i domini registrati in italia: 158 milioni di aziende, 138 mila persone fisiche (pari al 40%), 7% di liberi professionisti, 2,3% di enti no profit, 1,2% di altri soggetti e 0,4% di enti pubblici.

Quale nome scegliere?

A seconda dello scopo e di cosa vogliamo comunicare con il nome a dominio possiamo scegliere il nome dell’azienda, la professione o specifici temi.

L’importante è che riesca far capire al mio lettore di cosa mi occupo anche prima che apra il sito.

Cosa succede se è già occupato quel nome?

Può succedere che qualcuno abbia già registrato il nome che avevamo scelto; possiamo intraprendere due strade:

  • se la scadenza del dominio è vicina, aspettare per vedere se verrà rinnovato ed acquistarlo;
  • modificare il nome scelto affiancandolo a simboli.

Come deve essere un dominio?

  • Facilmente ricordabile e pronunciabile;
  • Descrittivo;
  • Breve e incisivo;
  • Semplice da scrivere (evita i trattini ed i numeri);

Conclusione

Il nome è sicuramente importante ma, prima di tutto, è fondamentale che tu abbia un dominio che ti identifichi, che rafforzi la tua brand identity e che ti renda riconoscibile in tutto il mondo.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

bool(false)

Questo sito fa uso di cookie - Proseguendo la navigazione o chiudendo questo banner accettate la nostra politica di cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close