Facebook – 110 milioni di € di multa per una promessa non rispettata

Un'autentica "sassata", come si direbbe in gergo.

Questa volta Mark Zuckerberg l'ha combinata grossa. O almeno, non ha voluto rispettare quanto dichiarato nel 2014 nel periodo in cui Facebook stava acquisendo il popolare servizio di messaggistica Whatsapp per 19 miliardi di dollari.

L'Antitrust dell'Unione Europea ha rilasciato una dichiarazione tosta per il colosso di Menlo Park, accusando Zuckerberg & co. di aver collegato Facebook e Whatsapp, favorendo uno scambio di informazioni preziose sugli utenti.

Durante il periodo di acquisizione, Zuckerberg aveva esplicitamente dichiarato che Whatsapp e Facebook non sarebbero mai stati collegati.

E invece no.

Ad Agosto 2016, qualche  subdolo cambiamento nelle condizioni generali di utilizzo di Whatsapp, ed ecco che la promessa svanisce. Facebook e Whatsapp si collegano, cominciano a scambiarsi dati personali sugli utenti e diventano un tutt'uno.

L'Antitrust ha precisato che le regole da rispettare sono identiche per tutti, nessuno escluso, e questa multa servirà proprio a questo.

Promessa non mantenuta, conseguenze in arrivo. 

La multa potrebbe ammontare a circa 250 milioni di € per Facebook. Sappiamo bene che il colosso del web non ha (e non avrà in futuro, si presuppone) problemi economici, tuttavia stiamo parlando di una cifra molto importante. La domanda che sorge spontanea è:

Come reagirà Facebook? 

Tempo al tempo. Lasciamo la parola ai fatti.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

bool(false)

Questo sito fa uso di cookie - Proseguendo la navigazione o chiudendo questo banner accettate la nostra politica di cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close