Business Model Canvas: Come pianificare il proprio business

I fattori da considerare quando si vuole aprire la propria attività sono molti; Business Model Canvas è uno strumento che sfrutta il linguaggio visuale per facilitare il vostro lavoro.

Di cosa si tratta?

Il Business Model Canvas è la rappresentazione visiva delle modalità con cui un’azienda crea, distribuisce e percepisce valori per i propri clienti.

Esteticamente si presenta come un rettangolo composto da 9 blocchi, diviso in 2 macrosezioni: mercato (a destra) ed organizzazione (a sinistra).

Partner chiave

Collaboratori e fornitori integrati nel proprio modello di business che permettono il funzionamento dell’azienda ed aumentano le sue possibilità di successo.

Sono importanti perché servono a:

  • Scoprire nuovi clienti;
  • Diffondere il brand capillaramente
  • Acquisire ed ottimizzare risorse ed attività;
  • Essere competitivi in un mercato più ampio;
  • Ridurre i rischi della concorrenza;
  • Sviluppare economie di scala;

Queste possono assumere 3 forme:

  • Alleanze strategiche tra imprese non-concorrenti (utili ad esempio a sviluppare economie di scala e acquisire risorse ed attività);
  • Alleanze strategiche tra concorrenti (utili per ridurre i rischi della concorrenza);
  • Joint venture (collaborazioni, anche estere, tra più aziende utili per diffondere il brand, scoprire nuovi clienti ed aumentare il mercato a cui ci si rivolge).

Attività chiave

Le operazioni strategiche che mi consentono di creare e sostenere la value proposition, raggiungere clienti, stringere relazioni con loro e generare ricavi.

Esistono 3 tipologie di attività chiave:

  • Problem solving (tipica dei servizi che devono risolvere problemi pratici);
  • Produttive (tipiche delle aziende manifatturiere);
  • Mantenimento e sviluppo di piattaforme e reti (Utili per quelle aziende che basano tutto il loro mercato sull’economia online, come Google e Facebook).

Per rendere lo schema efficace è fondamentale inserire solo le attività fondamentali, prioritarie rispetto alle altre.

Risorse chiave

Rappresentano un mero rapporto di fornitura e viene identificato con tutto ciò di cui l’azienda ha bisogno per avere successo.

Esistono 4 diversi tipi di risorse:

  • Umane;
  • Finanziarie;
  • Fisiche;
  • Intellettuali (le conoscenze interne all’azienda come brevetti, marchi, copyright…)

Value proposition

Perché i clienti dovrebbero comprare il mio prodotto/servizio?

La proposta di valore risponde a questa domanda e consiste nell’evidenziare il problema che il prodotto/servizio può risolvere definitivamente (problemi pratici per business b2b, bisogni psicologici per business b2c).

Gli elementi da sfruttare per creare diversità sono:

  • Innovazione;
  • Accessibilità;
  • Migliori funzionalità;
  • Diminuizione di prezzo;
  • Uso del brand per sfruttare l’identirà della marca;
  • Performance;
  • Convenienza e facilità di utilizzo;
  • Diminuizione dei rischi.

Relazioni con i clienti

Risponde al problema di come comunicare ed interloquire con i clienti.

Le possibili relazioni sono:

  • Assistenza personale (l’azienda ha al suo interno un reparto che si occupa di assistenza cliente);
  • Assistenza personale-dedicata (simile alla precedente ma ogni cliente è associato ad un’unica persona che si occupa di fornigli assistenza con benefici in termini di fiducia e serenità del cliente);
  • Self-service (è presente una postazione in cui il cliente può trovate tutto ciò di cui ha bisogno per l’assistenza);
  • Community (comunità virtuali in cui i clienti entrano in contatto tra di loro, andando a rafforzare identità aziendale e senso di gruppo);
  • Co-creazione (il cliente partecipa attivamente al processo di produzione del prodotto/servizio).

Canali

Rappresentano i punti di contatto con il cliente.

Possono essere:

  • Diretti (di proprità dell’azienda), caratterizzati da costi più elevati e messaggi più efficaci;
  • Indiretti (di proprietà di terzi), caratterizzati da costi ridotti e messaggi più diffusi più velocemente ma meno efficacemente.

Segmenti di clientela

Specifica il target a cui mi rivolgo, andando a studiare comportamenti ed esigenze specifiche da soddisfare per ogni gruppo.

Costi

Rappresenta l’ultimo blocco da riempire e deriva da risorse chiave, attività e partner.

Questi possono essere:

  • Fissi (rimangono invariati al variare di beni e servizi prodotti);
  • Variabili (variano in base a beni e servizi prodotti);
  • Economie di scala (i costi si abbassano grazie alla delocalizzazione e all’espansione dell’azienda);
  • Economie di scopo (i costi diminuiscono pochè il mercato a cui ci si rivolge si amplia)

Ricavi

Identificano il successo o il fallimento di un’azienda; per garantirne il buon funzionamento questi dovranno necessariamente essere più alti dei costi sostenuti.

Come riempirlo

Nonostante compilare il Business Model Canvas possa sembrare semplice, vi assicuro che non lo è affatto. Il problema infatti non consiste nel cosa scrivere all’interno dei singoli blocchi, ma nel farlo in modo giusto, identificando immediatamente il target di riferimento, i canali…

Questo non funzionerà subito, ma avrà prima bisogno di tentativi ed aggiustamenti che serviranno a realizzare il canvas perfetto.

Se non vuoi perdere tempo e denaro puoi rivolgerti a noi; ci occuperemo di studiare il tuo target, il tuo mercato e tutte le informazioni più appropriate al tuo business, per realizzare la strategia che ti permetterà di lavorare più efficacemente ed efficientemente.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

bool(false)

Questo sito fa uso di cookie - Proseguendo la navigazione o chiudendo questo banner accettate la nostra politica di cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close